Comunicare in gruppo, come gestire le relazioni

Comunicare in gruppo è una necessità per l’essere umano perché trova diversi benefici nell’instaurare un contatto più o meno profondo con altre persone.

La ricerca dell’affetto, il sostegno reciproco, l’analisi di problematiche o la protezione e la difesa sono tutte ragioni che ci spingono ad accostarci a gruppi di individui strutturati e di varia natura. Per definizione, un gruppo è l’insieme dinamico di persone interdipendenti. E’ pensabile come un agglomerato sociale nel quale ogni attore acquisisce un ruolo. Il tempo è un fattore determinante che solidifica i rapporti interni e ne sottolinea la rilevanza. Infatti un essere umano che si trova assorbito in un gruppo sociale sarà più influenzabile in determinati comportamenti. Il senso di appartenenza diventa fondamentale perchè un soggetto deve sentirsi un segmento vitale affinchè sia portato a seguire tutte quelle regole e modi di pensare che vengono esplicitamente o implicitamente esposti dai componenti. Comunicare in gruppo diviene facile se si conoscono alcuni concetti di base.

Le relazioni che si sviluppano tra gli individui si strutturano in base ai contenuti, ovvero a tutte quelle informazioni che possono essere di carattere primario o secondario e che permettono la considerazione di un problema. In base ai metodi si riferisce strettamente all’organizzazione e alla gestione delle decisioni prodotte. In riferimento ai processi comunicativi, cioè ai modi di strutturare la conversazione nel gruppo. Il leader avrà strutturerà dei modi per dialogare con tutti i partecipanti al gruppo. Infine, in base alle dinamiche, ovvero come gestire i conflitti, le tensioni e i momenti di positività.

Come condurre la comunicazione all’interno di un gruppo sociale? Esistono varie tecniche che permettono di mantenere un giusto equilibrio. Il tutto dipende dagli obiettivi e dalle finalità che si vogliono raggiungere. Ad esempio la negoziazione e la gestione di un conflitto si possono attivare nei casi di divergenze. A tal proposito è opportuno chiedere pareri e motivazioni sulle questione in analisi, pretendere fatti che sostengono l’argomentazione, verificare le discrepanze e riconoscere le differenze e in ultimo, elencare i pregi e i difetti di ogni opinione messa in campo.

Altre tecniche di comunicazione sono la bipolare quando avviene tra due entità, seguendo un andata e un ritorno; a cerchio quando la comunicazione è racchiusa su se stessa; stellare quando tutte le informazioni passano per un soggetto che si trova in posizione centrale, che a sua volta, riferisce agli altri. Con questo sistema, le decisione vengono prese in modo rapido ed efficace. Infine a rete, dove tutti i membri comunicano con tutti, rispettando i turni di parola.

(Visited 71 times, 1 visits today)
Precedente Script Comunicativi, cosa sono e come si utilizzano Successivo Simpatia, il benessere di stare insieme all’altra persona