Dormire nella Reggia di Versailles

Reggia di Versailles

Turisti nei panni del Re Sole

Sentirsi un Re e dormire nella Reggia di Versailles, è un sogno che potrà diventare realtà tra qualche anno. Infatti, un ala del lussuoso edificio sarà trasformata in albergo. Lo Stato, amministratore del grande monumento, ha lanciato una gara d’appalto affinché qualcuno possa accaparrarsi la gestione di parte della struttura e farla diventare un fantastico alloggio per turisti. Chiaramente la decisione ha scatenato qualche polemica.

Molti pensano che trasformare la Reggia in un hotel di lusso non porterà benefici, anzi al contrario, ne approfitteranno solo i “commercianti”. I dissidenti, credono che il grande edificio è un patrimonio che appartiene ai francesi e lasciarlo nelle mani degli albergatori, potrebbe essere una mancanza di rispetto per la Francia.

Reggia di Versailles 2

Il nuovo albergo nella Reggia di Versailles dovrebbe occupare tre edifici che sono inutilizzati da circa sette anni in quanto si trovano al di fuori del circuito delle visite. Precisamente parliamo del Petit Controle, del Pavillon des premieres cent marches e del Grand Controle; quest’ultima è opera dell’architetto Jules Hardouin-Mansart. La superficie che potrà essere destinata ai privati che vorranno indossare le regali vesti di Luigi XIV, sarà di circa 2 mila 800 metri. La concessione per la gestione completa dell’area sarà di ben sessant’anni. Certamente, l’albergatore vincitore dovrà accollarsi tutte le spese per rendere di nuovo agibili gli edifici a disposizione e viste le attuali pessime condizioni, ci vorranno circa sette milioni di euro. I lavori saranno sempre sotto il controllo della sovrintendenza.

Si vocifera che le società interessate sarebbero già molte; d’altronde il progetto ha la sua importanza. L’iniziativa, rientra nell’ambito della politica di valorizzazione del patrimonio grazie allo sviluppo di attività economiche, promossa dall’amministrazione di Versailles.

(Visited 87 times, 1 visits today)
Precedente Gelato alle fragole con croccante di sesamo Successivo Pane con carbone vegetale